In ricordo del diacono Filippo Sonaglia

Il giorno 7 febbraio 2010 il Signore ha richiamato a se il nostro fratello Filippo Sonaglia, diacono dell'arcidiocesi di Pescara-Penne.

Filippo ha iniziato il suo cammino di fede, unitamente alla moglie Rosalba, nel gruppo di preghiera di Padre Pio. Nel 1984 è entrato nell'Ordine Francescano Secolare, di cui è stato ministro locale per alcuni anni presso il Convento Cappuccini di Pescara. È stato per alcuni anni Presidente regionale OFS. Ha testimoniato l'amore al Signore prima con il suo apostolato nell'ambiente di lavoro. Poi, nel 1992, ricevuto il diaconato, per diciotto anni si è reso prezioso con il servizio nella parrocchia del Santuario della Madonna dei Sette Dolori e nella comunità diocesana. Ha nutrito giornalmente lo spirito con l'Eucaristia e la preghiera. Ha conciliato in modo esemplare i doveri religiosi e quelli familiari. Colpito da un male inesorabile, ha accettato con fede, preparandosi all'incontro con il Signore e continuando a lavorare fino all'ultimo giorno. La folla, silenziosa e commossa, e tanti sacerdoti, diaconi e ministranti presenti al funerale nella Basilica della Madonna, hanno reso testimonianza del bene che Filippo ha fatto alla comunità locale e diocesana. S. Ecc. mons. Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne, che ha presieduto la concelebrazione, ha reso lode al Signore per la vita del nostro caro fratello, che si è impegnato con tutte le sue forze per "mettere in pratica" le Beatitudini del Vangelo. Nell'accomiatarsi ha detto: "Grazie, carissimo Filippo, per quello che ci hai dato, per quello che hai vissuto, per l'amore che ci hai insegnato". Alle parole del presule fa eco il grazie di tutti noi. Filippo, fratello caro, ti portiamo nel cuore. Il Signore ti conceda il riposo dei giusti. La nostra preghiera ti conforti; San Francesco e Padre Pio ti accompagnino in Paradiso a godere il premio di una vita tutta spesa con generosità al servizio della famiglia e della Chiesa.

 

Dall’omelia di S. Ecc. Mons. Tommaso Valentinetti

“Il nostro fratello Filippo ha vissuto la sua esperienza di fede dentro questa comunità, dentro la comunità diocesana di Pescara-Penne, facendosi modello di servizio. Ne fanno fede e corona i tanti presbiteri e diaconi presenti questa sera con i tanti accoliti e ministranti. Ha ricevuto l’ordinazione diaconale nel 1992. Per diciotto anni ha annunciato il Vangelo, ha servito nel nome del Signore, si è prodigato per il decoro di questa basilica, è vissuto in mezzo al popolo di Dio, donando un esempio e modello di vita anche alle sua prima comunità ecclesiale: la famiglia. Carissimo Filippo, anch’io per quel pochissimo tempo che il Signore mi ha dato la grazia di poterti conoscere, rendo lode al Signore per la tua esistenza, per questa pagina delle Beatitudini che tu ti sei sforzato di vivere e dimettere in pratica, per il testamento di servizio e di amore alla Chiesa e alla comunità, che ci hai lasciato. Le ultime volte in cui ci siamo incontrati e salutati, sempre con molto calore, mi hai fatto percepire tra le parole che ormai stavi per sciogliere le vele, che aspettavi dal Padrone della messe la parola buona: “Vieni, servo buono e fedele, ricevi la ricompensa preparata per te davanti al tuo Signore”. Ora sei lassù, nella compagnia degli angeli e dei santi, sei sotto lo sguardo dellaVergine Addolorata che tanto hai amato. Lei ti sta prendendo per mano, ti sta nascondendo sotto il suo mantello perché, purificata la tua anima da tutto ciò che l’umana fragilità ha potuto stampare dentro la tua vita, tu possa presentarti davanti al trono dell’Altissimo. Grazie per quello che ci hai dato, grazie per quello che hai vissuto, grazie per l’amore che ci hai insegnato”.

Questo sito utilizza i cookie

settedolori.pe.it utilizza file di testo chiamati “cookies” per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito.